Report da Berlino

Da Valeria Rampana, “nostro” inviato a Berlino:

“Ho sentito dire cose di oggi a Berlino.
Per una volta ero presente, e posso rispondere a ragion veduta.

Una marea di persone si è radunata, pacificamente.
Dal palco è stato chiesto di rispettare il distanziamento, e visto che i presenti erano davvero moltissimi (e con moltissimi intendo guardate bene le foto) hanno bloccato gli accessi, altrimenti sarebbero stati ancora di più.
Nessun blocco da parte della polizia, massima collaborazione, nessun problema.

I media non nominano Robert F. Kennedy, che era presente e ha tenuto un bellissimo discorso.

E non dicono neppure che i “facinorosi” “negazionisti” “nazi” “pericolosi” erano per lo più famiglie con bambini, festanti ragazzi con bandiere da tutta Europa, medici e psicologi e persone preoccupate, perché la narrazione ufficiale è uguale in tutto il mondo e davvero non quadra per niente.

Tutto è andato per il meglio, e se i media parlano di 18mila persone, come mi dicono, sono patetici.

Se invece parlano di tafferugli, è stato un solo episodio, la gente era costretta tra due stradine, e c’era una microscopica contromanifestazione che ha generato uno scontro di poco conto e piuttosto pilotato.

Il tutto lontano dalla piazza e dalle strade principali dove si svolgeva la manifestazione.
A disposizione per smentire le altre cazzate mainstream sulla manifestazione di oggi a Berlino.

P.S. hanno parlato dell’altra, tenutasi oggi a Londra? O di quella di Ottawa?”