Il Direttivo

Presidente
Alessandra

Sono un educatrice professionale, ora soprattutto sono una mamma
Ho 5 bimbi e ho scelto di dedicarmi a loro a tempo pieno.
Sono entrata in comitato per difendere il nostro diritto ad esercitare una genitorialità consapevole e per difendere il diritto dei nostri bimbi alla salute.

Direttivo

Valentina

Guardo i bambini danneggiati, famiglie distrutte dal dolore e dico ai miei figli che questo a loro non succederà, lotterò a fianco a voi per la libertà che debba avere ognuno di noi di decidere per i nostri figli

Liliana

Sono una mamma, nella vita sono libero professionista, mi occupo di vaccini dal 2006 per una reazione avversa sul mio bambino (che non avrei vaccinato se non mi avessero detto che ero ignorante nel dubitare della sicurezza).
Ora non sono più ignorante. Anzi negli anni ho acquisito la consapevolezza che non possiamo e non dobbiamo delegare lo stato di salute dei nostri figli a nessuno. Purtroppo nemmeno al pediatra di libera scelta, nonostante sia la figura che più ci imponga scelte, figura a cui ci sarebbe più utile poter affidare i nostri figli (anche in quanto pagato per questo specifico ruolo).

Non è sempre così.
Le energie che prima distribuivo in modo “sparso” nel fornire spunti e materiale ai genitori “dubbiosi” ho avuto l’occasione di incanalarle in questo Comitato che promuove LA LIBERTÀ DI SCELTA, unione di persone che si riconoscono nell’unica categoria esistente come “socialmente accettabile”: quella di persone che SI INFORMANO e SCELGONO ciò che per le peculiarità dei componenti della loro famiglia sarà “il miglior percorso per mantenere il miglior stato di salute possibile” di un figlio. Nell’accettazione e nel rispetto di scelte diverse dalle proprie, che sono individuali.
Andrea

Sono diventato membro attivo del comitato clisvap per un motivo semplice, da buon padre voglio difendere la mia famiglia .. questo decreto lo trovo veramente ingiusto, sono contrario in tutto e per tutto .

Nadia

Mi chiamo Nadia, sono Psicologa del lavoro e attualmente lavoro come impiegata. Ho deciso di entrare nel direttivo del Comitato perché credo valga molto di più la forza dell’informazione che quella dell’obbligo.